Un mese di Quota 100: quasi 77mila domande. Sud batte Nord, corsa dal pubblico 


Lavoro notturno: il limite medio si calcola su 6 giorni. A chiarirlo l’Ispettorato Nazionale del Lavoro.


Reddito e Pensione di Cittadinanza: online i modelli

Caporalato in giacca e cravatta a danno di 10mila lavoratori

Con la sentenza 30676 del 27 novembre 2018 la Corte di Cassazione cambia rotta sui permessi previsti dalla Legge n.104 del 1992 per accudire familiari con disabilità, giudicando illegittimo il licenziamento intimato ad una lavoratrice dipendente che ne usufruiva in maniera impropria per assistere la madre disabile.

Il “pacchetto pensioni” da tradurre in un emendamento alla manovra è pronto. E poggia su “quota 100” in versione ponte per i prossimi tre anni in vista dell’introduzione, dal 2022-23, di quota 41 per tutti

Il lavoratore padre può usufruire dei riposi giornalieri per maternità anche se la moglie, lavoratrice autonoma, beneficia contemporaneamente del trattamento economico derivante dalla nascita del figlio. A stabilirlo è la Corte di Cassazione con la sentenza 22177/2018 depositata il 12 settembre 2018. 

Oltre all’avvio della riforma della Fornero rinviato ad aprile il governo punta a ridurre la platea dei “quotisti”: con le modifiche l’obiettivo è ridurre la platea a 270mila persone nel 2019, contenendo la spesa a 5 miliardi contro i 6,7 previsti inizialmente

“Il lavoro nero sottrae ogni anno alle casse dello Stato 20 miliardi di euro”

La Fondazione Studi Consulenti del Lavoro stima che nel 2017 siano stati 1,5 milioni i lavoratori completamente sconosciuti al fisco e alla previdenza (c.d. lavoro “nero”) a fronte di 5,7 milioni di aziende attive sul territorio italiano. Per combattere il fenomeno del Sommerso serve un’azione preventiva attraverso nuovi strumenti legislativi che consentano di attestare la regolarità dei rapporti di Lavoro.


Leggi l'articolo

Illegittimo il licenziamento senza formazione minima

Senza un periodo minimo di formazione, il licenziamento per mancato superamento del periodo di prova è illegittimo. Ad affermarlo è la Corte di Cassazione nella sentenza n. 21711 depositata lo scorso 6 settembre, esaminando il caso di una lavoratrice con mansioni di portalettere, licenziata il primo giorno di lavoro all'esito di una prova di idoneità alla conduzione del mezzo aziendale fornitole in dotazione.

Leggi l'Articolo